scuola2

Scuola: Istituzionalizzata la Giornata della Sicurezza nelle scuole di Cittadinanzattiva e previsti finanziamenti in Abruzzo per scuole innovative

Il 22 novembre sarà la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole! Promossa dal 2002 da Cittadinanzattiva, subito dopo il crollo della scuola Jovine di S. Giuliano di Puglia, la giornata è stata “istituzionalizzata” dalle legge 107/2015 “la buona scuola”.
Lo scorso 1 ottobre durante la riunione dell’Osservatorio dell’edilizia scolastica del Miur, alla quale per la prima volta hanno preso parte anche Cittadinanzattiva e Legambiente, si è decisa la data della giornata fissandola al 22 di novembre in ricordo di Vito Scafidi (è il giorno dell’anniversario della sua morte) e di tutte le altre vittime della scuola.

Sicurezza a scuola: luci ed ombre
Sicurezza a scuola: luci ed ombre

Lo scorso settembre il XIII Rapporto di Cittadinanzattiva sulla Sicurezza, qualità e accessibilità delle scuole italiane (un’indagine e non una rilevazione statistica, precisano i curatori) realizzato su un buon numero di plessi 101 in 13 regioni (Abruzzo, Basilicata; Calabria, Campania, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia e Veneto), grazie al lavoro di monitoraggio di volontari dell’associazione che sono andati sul posto a vedere di persona, a registrare e intervistare i dirigenti, indica ancora una situazione critica. Seppure qualcosa sia migliorato è necessario continuare e non fermarsi perché il 39% delle scuole italiane è ancora a rischio.

abruzzoNella nostra regione, l’Abruzzo, è stata approvata ieri, in giunta regionale, la delibera di finanziamento per la costruzione di scuole innovative, su Decreto del Miur, proposta dall’assessore dei Lavori pubblici Donato Di Matteo. Il decreto stabiliva la ripartizione fra le regioni di 300 milioni di euro e all’Abruzzo, in base a popolazione e densità scolastica, sono stati assegnati 9.937.211,32 di euro. I progetti delle scuole da realizzare nelle varie province abruzzesi sono innovativi dal punto di vista architettonico, dell’impiantistica, della tecnologia, dell’efficienza energetica, della sicurezza antisismica e strutturale e prevedono inoltre nuovi ambienti di apprendimento di innovazione didattica. Gli interventi riguarderanno determinate zone delle quattro province abruzzesi: la realizzazione di un Biocampus a Villareia di Cepagatti per l’accorpamento degli istituti di istruzione secondaria dell’Agrario di Villareia e dell’Alberghiero De Cecco di Pescara per un importo di 6.500.000,00 euro; la realizzazione nella provincia dell’Aquila di un Campus scolastico relativo alla fascia dell’obbligo “Valle Giovenco”, in località Collarmele per l’accorpamento delle scuole comunali presenti nei Comuni di Aielli, Cerchio, Collarmele, Bisegna, Ortona dei Marsi, Ortucchio, Legge dei Marsi, Gioia dei Marsi Pescina e San Benedetto per un importo di 2.000.000,00 euro. Il terzo intervento è previsto nella provincia di Chieti lungo la Vallata del Trigno, adiacente alla Strada Statale 650 della fondovalle, per la realizzazione di un nuovo polo scolastico nella zona artigianale del Comune di Dogliola, per l’accorpamento delle scuole dei Comuni di Dogliola, Palmoli, San Felice del Molise, Lentella, Fresagrandinaria e Roccaspinalveti, per un importo di 1.980.000 euro. Infine a Teramo la realizzazione di due poli scolastici, il primo nel capoluogo per le scuole primarie e secondarie di primo grado in via dell’Aeroporto, zona Acquaviva, prevedendo l’utilizzo delle più avanzate tecnologie e la creazione di spazi per servizi comuni con infrastrutture sportive e culturali per un importo di 9.884.050 euro; il secondo polo scolastico da realizzare in un’area del Comune di Colledara, situato in una posizione centrale rispetto ai comuni di Colledara, Tossicia e Castel Castagna. In questo polo verranno rispettate le più innovative regole relative alle costruzioni sicure per un importo di 2.883.088,00 euro.

 

Fonti: VitaPrimaDaNoi

Infografica: Cittadinanzattiva