home

Home un film sull’adolescenza

Dal Belgio Home un film sull’adolescenza e le relazioni familiari.

dal film HomeIl film Home della regista Fien Troch punta lo sguardo sull’adolescenza. La sua non è certo l’immagine di “casa dolce casa” ma piuttosto di luogo dove si svolgono le relazioni familiari, difficili, tra giovani e adulti. Il film è ispirato a fatti reali ed è proprio la realtà del quotidiano di questi adolescenti moderni che la regista cerca di catturare: lo fa non solo in quello che racconta ma anche nelle tecniche di ripresa, filmando i loro volti il più vicino possibile, lasciando spazio ai video girati con gli smartphone.

Fien Troch ci restituisce così un’istantanea su una gioventù che fuma, beve, si annoia. “Penso che siano situazioni ricorrenti della vita di questi ragazzi” afferma la regista in un’intervista “sapevo dall’inizio che volevo inserire queste scene, indipendentemente dalla storia del film: è un racconto reale perché sono scene del quotidiano.” 

Alla domanda se questo film è una critica dei genitori la giovane regista risponde così: “A volte succede che i genitori pensano che il loro ruolo sia solo quello di dover insegnare, dimenticandosi di ascoltare. Questo per me è un grande errore, una mancanza di comunicazione profonda che poi colpisce i rapporti familiari in modo profondo. Basti pensare che una volta se uno studente non andava bene a scuola la colpa ovviamente era sua, oggi se non passano gli esami, i genitori assumono l’avvocato per contrastare la scuola. Mi sembra che sia importante fare una riflessione anche su questo.”

Home disegna uno spaccato generazionale che conosciamo, non è niente di nuovo, ma forse è questa la cosa che dovrebbe preoccuparci questa sensazione di “normalità” ormai acquisita, questo quotidiano sbagliato che è routine di due generazioni, gli adolescenti da una parte e i genitori dall’altra.

 

Per leggere l’intervista a Frien Troch (larepubblica.it) clicca qui